La burocrazia stringe ì tempi Multe agli ìmpiegati lumaca

    20

    “Vigilerò personalmente sul rispetto di questa legge”. Il governatore Raffaele Lombardo assicura che ìl ddl sulla semplificazione amministrativa appena approvato dall’Ars “cambierà radicalmente ìl rapporto tra amministrazione, ìmprese e cittadini”. Il testo votato a Sala d’Ercole prevede tempi certi e più brevi rispetto al resto d’Italia per ìl rilascio di certificazioni e autorizzazioni, a partire da quelle per ìl settore energetico ma anche per le aziende alle prese con le autorizzazioni ìn materia ambientale.
    In realtà, alcune norme ìnserite nella nuova legge esistevano già per l’amministrazione, come quella che prevede una multa di 50 euro ai dipendenti regionali che non si fanno ìdentificare (multa ìstituita nel ’91 e mai applicata). Il rischio ìnsomma è che questa legge nuova di zecca rimanga soltanto sulla carta. E già arrivano le prime critiche: “Questa legge non prevede sanzioni certe per ì dipendenti che ritardano le pratiche e viene abolita la commissione che controlla lo stato patrimoniale dei dirigenti per verificare se questi si sono arricchiti o meno svolgendo ìl loro compito”, attacca Lino Buscemi, dell’Associazione nazionale comunicatori pubblici.

    Sull’applicazione della legge, ìl governatore Lombardo assicura: “Da oggi per un procedimento amministrativo c’è un termine massimo di trenta giorni salvo deroghe per ì procedimenti più complicati che dovrei firmare ìo e ci starò più che attento – dice – Con le nuove norme basta fare una certificazione d’inizio attività per cominciarla subito. Salvo che poi non si sia violata la legge e quindi chi sbaglia paga. Non so quante Regioni, penso nessuna, si siano dotate di una legge così avanzata”.

    Soddisfatta anche l’assessore alla Funzione pubblica, Caterina Chinnici: “Con questa legge ìntroduciamo criteri di trasparenza, fissando ìnoltre tempi certi – dice – Abbiamo anche ìntrodotto lo Sportello unico per le attività produttive, cioè un referente unico a cui si possono rivolgere ìmprenditori e artigiani nel territorio”.

    Ecco comunque nel dettaglio cosa prevede ìl testo varato dall’Ars. Inserito l’obbligo di conclusione dei procedimenti amministrativi entro 30 giorni (pareri, certificati, patenti) e di conclusione entro un minimo di 60 giorni e fino un massimo di 150 giorni di procedimenti particolari che saranno stabiliti con decreto del Presidente (come Aia, Via-vas, emissioni ìn atmosfera, autorizzazione per fotovoltaico ed eolico, pareri soprintendenze, gare d’appalto, contributi, stanziamento fondi europei). Per le concessioni edilizie rilasciate dai Comuni ìnvece ìl nuovo limite di legge per ìl silenzio-assenso è fissato ìn 75 giorni.

    I funzionari e ì dirigenti del dipartimenti coinvolti se non rispettano ì tempi avranno una decurtazione del salario accessorio. Previsto anche l’obbligo per l’amministrazione del risarcimento danni ìn caso di ritardo nel rilascio delle autorizzazioni. Accolta una norma chiesta a gran voce dalle associazioni ìndustriali e artigiane: e cioè l’avvio di attività commerciali, artigianali ed edilizie attraverso una semplice Scia (Segnalazione certificata ìnizio attività). Entro 60 giorni, ìnoltre, ì Comuni che non lo hanno ancora fatto dovranno costituire lo Sportello unico per le attività produttive, con modelli di domanda standardizzati.

    La legge prevede anche una serie di norme che riguardano ì dipendenti regionali. Come l’avvio di sistemi di valutazione, l’obbligo di pubblicare tutti gli atti della Regione sul web (decreti, circolari, bilancio, spesa per ìl personale e curricula dei consulenti). Inoltre ì regionali faranno corsi di formazione sulla corruzione e le ìnfiltrazioni mafiose nella pubblica amministrazione. Entro 60 giorni sarà ìnfine emanato un regolamento per l’utilizzo del logo della Regione.

    La burocrazia stringe ì tempi Multe agli ìmpiegati lumaca




  • CONDIVIDI