“Interdittiva antimafia illegittima”: impresa edile agrigentina vince ricorso al Tar

Il T.A.R. Sicilia-Palermo, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino e Alfieri, ha accolto la richiesta cautelare di sospensione dell’esecuzione dell’interdittiva antimafia verso di una impresa edile agrigentina.

Quest’ultima aveva chiesto il rinnovo dell’iscrizione alla “white list”, cioè l’elenco delle imprese autorizzate a contrarre con la Pubblica Amministrazione. La Prefettura di Agrigento rigettava la predetta richiesta di iscrizione ed emetteva, verso della medesima impresa, un’informativa interdittiva fondata esclusivamente sull’esito di un procedimento penale verso di padre e fratello  della legale rappresentante della società, conclusosi con la condanna, in primo grado.

L’impresa, dunque, con il patrocinio degli Avv.ti Girolamo Rubino e Lucia Alfieri, proponeva ricorso, innanzi al T.A.R. Sicilia-Palermo, contro la Prefettura di Agrigento per l’annullamento, previa sospensione, del provvedimento interdittivo. Unitamente al ridetto provvedimento, l’impresa …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
“Interdittiva antimafia illegittima”: impresa edile agrigentina vince ricorso al Tar


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer