Messina

Incidente mortale a Messina, Santo Stefano e Cassano d’Adda piangono Giacomo Manganaro

Questo contenuto e stato archiviato ! potrebbe non essere più rilevante

#Messina

Giacomo Manganaro amava la musica, forse era la sua più grande passione. Suonava il bombardino nella banda di Santo Stefano Medio e pure in quella del suo paese d’adozione a Cassano d’Adda. E se ne e andato proprio mentre andava ad ascoltare un concerto. Che destino! Giacomo era cresciuto a Santo Stefano Medio, dove ci si conosce tutti, uno per uno. Dove si ama tornare appena probabile per risentire le voci, e i silenzi di un villaggio che domina la sua valle.

Nel corso degli anni ottanta aveva lasciato Messina per il solito motivo: il lavoro. Era dipendente del comune di Milano e si cura del verde della capitale del nord. Ma le vacanze estive, tutte quelle che riusciva a racimolare, le trascorreva in Sicilia, a Santo Stefano.

La sua morte, altro tragico segno del destino, e avvenuta ad alcune giorni dalla festa patronale di Santo Stefano: il 7 agosto, San Gaetano. Ieri annullate tutte le esibizioni programmato per la serata del venerdì. E Lui non avrebbe mai mancato quell’incontro. Difatti poco prima di partire con la sua auto aveva terminato le prove con la banda del paese. E i componenti della “Santa Cecilia”, il suo direttivo, ieri lo hanno voluto ricordare così:

“Stamattina siamo stati svegliati da una tragica notizia. Poco dopo la fine delle prove con la banda di giovedì sera, il nostro Giacomo ci ha lasciato la pelle in un tragico incidente stradale. “Giacomino”, così era nominato dal suo e dal nostro compianto Maestro,…


PAGN2643 => 2022-08-06 10:32:00

Messina

Show More