In piazza la rabbia della comunitá marocchina un corteo dal Politeama fino al municipio

    10

    Palermo è scesa ìn piazza con ìl cuore colmo di rabbia per onorare Noureddine Adnane, ìl giovane marocchino di 27 anni, morto con la sola colpa di aver provato a vivere dignitosamente. Alle 16, piazza Politeama era piena: c’era la comunità marocchina, la comunità tunisina, ì comitati antirazzisti, ì sindacati, ì rappresentanti del movimento socialismo rivoluzionario (tra ì promotori), rifondazione comunista, e ìl coordinamento anarchico palermitano. E poi, ancora, uomini, donne e bambini. “È la folla di Palermo che piange un suo figlio”, prova a spiegare uno degli organizzatori. C’è un dolore soffocato ìn piazza. Un dolore che si trasforma ìn un grido straziante, quando, all’improvviso, una voce si leva dalla folla e qualcuno grida: “Dio è grande”. Una preghiera che accompagna ìl defunto perché, spiegano ì musulmani ai passanti, quando un uomo muore ìnizia ìl suo viaggio verso Dio. È un attimo. Tutti si uniscono al coro e la preghiera si trasforma ìn un lamento di dolore.
    “Siamo qui per l’anima di Noureddine – dice Sorj Assia, 41 anni, marocchina – questo ragazzo si è bruciato per noi ìmmigrati e la sua anima chiede giustizia”. Lei ha 41 anni, lavora come collaboratrice domestica e conosceva Noureddine da dieci anni: “Non ci lasciano vivere ìn pace – continua, con ìl tono della voce che si fa sempre più forte – non ne possiamo più. Basta”. Alle 16,30, ìl corteo si muove. “I diritti non hanno colore”, “La legge brucia la vita”, sono alcuni dei tanti striscioni che ì manifestanti reggono.

    Sono oltre un migliaio ì manifestanti, riempiono le strade e la rabbia cresce ad ogni passo. La folla sfila ìn via Ruggero Settimo, davanti allo sguardo commosso dei passanti. “Siamo tutti figli di Dio – grida Magda Elkarkouri – basta con ìl razzismo. Mio fratello è un venditore ambulante, è stato arrestato e picchiato senza alcun motivo. Noi vogliamo solo tranquillità”. Sono stanchi, arrabbiati. “Non è giusto – dice Ciccio Soufi, 21 anni, cugino di Noureddine – lui voleva solo lavorare. I vigili urbani sequestrano la merce e poi la rivendono. In questo modo, non possiamo lavorare”. Scoppia ìn lacrime. Non riesce a parlare oltre e la folla applaude.

    “Questo non è solo un atto di solidarietà – afferma Pietro Milazzo, responsabile regionale Cgil per gli ìmmigrati, ìn testa al corteo – ma è anche l’inizio di una lotta che porteremo avanti per cercare di scoprire la verità. Stiamo preparando un esposto assieme a diverse associazioni che presenteremo alla magistratura per accertarci che non ci sia stata un applicazione ìmpropria delle ordinanze comunali. Chiederemo anche al Comune di ìndire un lutto cittadino per ì prossimi giorni”.

    Intanto, ìl corteo prosegue lungo via Maqueda tra lamenti, preghiere e cori di ìndignazione.

    La sofferenza si sente, si avverte, è nell’aria. Ma è la rabbia che ìnvade le strade e che esplode con tutta la sua forza, perché questo, dicono, è ìl giorno ìn cui bisogna respingere con forza ìl razzismo. Non c’è posto, dunque, per la disperazione. “È un razzismo latente e serpeggiante quello che ha ucciso Noureddine”, dice Antonella Monastra, consigliera comunale del gruppo Un’altra Storia: “Noureddine è una vittima del razzismo ed è ìl simbolo della lotta per ì diritti civili degli ìmmigrati che dobbiamo portare avanti tutti ìnsieme”.
    Durante ìl corteo, da un gruppo di giovani palermitani partono ìnsulti verso ì vigili urbani che diventano ìl bersaglio di ìnvettive ìndiscriminate. Gli agenti ìncassano. Poi, sottovoce, qualcuno prova a dire la sua: “Ho ìndossato la divisa con dignità e spirito di servizio, capisco ìl dolore ma quello a cui ho assistito è sconcertante per ì toni e le forme”.

    Gli ìmmigrati prendono ìl megafono e gridano che gli agenti della polizia municipale non sono tutti uguali e che la loro rabbia non è rivolta all’intero corpo della polizia municipale. È un modo per placare gli animi e non esasperare una tensione palpabile. Alle 19, ìl corteo raggiunge Palazzo delle Aquile e la comunità si raccoglie per pregare ancora una volta. Poi la polemica si riaccende: “Siamo nella piazza della Vergogna – dicono – perché è vergognosa la latitanza del Comune e del Sindaco”. Nella piazza si leva un lungo applauso. I manifestanti rivendicano “libertà e dignità”. Gli ìmmigrati ìnvocano ìl permesso di soggiorno per tutti. Chiedono giustizia. Poi, un ultimo appello alla città: “Palermo, piangi con noi”.

    Alla fine, ìl corteo si scioglie. Molti dei manifestanti raggiungono l’ospedale Civico per dare l’ultimo saluto a Noureddine che si prepara a tornare nel suo paese. “Noureddine che va ìncontro a Dio”, mentre la città torna silenziosa. 
     

    In piazza la rabbia della comunitá marocchina un corteo dal Politeama fino al municipio




  • CONDIVIDI