In coma dopo una lite fuori dalla discoteca, una condanna di 7 anni a Messina

7
In coma dopo una lite fuori dalla discoteca, una condanna di 7 anni a Messina
In coma dopo una lite fuori dalla discoteca, una condanna di 7 anni a Messina

Condannato a 7 anni Francesco Saporito per l’aggressione ai danni di un giovane avvenuta all’esterno di un lido-discoteca a Santa Teresa Riva, in provincia di Messina. Il giovane, Gianluca Trimarchi, cadde a terra tramortito da un pugno.

I fatti risalgono allo scorso 23 luglio. Il giovane di Forza d’Agro stava trascorrendo con un amico la serata nei pressi del locale, quando fu aggredito. Fu subito trasferito al Policlinico dove fu ricoverato, in coma farmacologico, in condizioni gravissime. Dopo alcuni giorni i carabinieri di Taormina risalirono a Saporito.

La sentenza è  stata emessa dal gup Eugenio Fiorentino nel giudizio con il rito abbreviato. Il giudice ha assolto Saporito dall’accusa di tentato omicidio ma lo condannato a 7 anni per lesioni gravi. Il pubblico ministero Francesca Bonanzinga aveva chiesto la condanna a 10 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui