In cella il vecchio Filloramo Il tassello (irrisolto) del delitto Fava


CATANIA – Francesco Filloramo ha 82 anni. Il cognato di Nitto Santapaola è tornato in carcere. Deve scontare un anno e otto mesi di reclusione. È la sentenza diventata definitiva lo scorso 20 marzo quando la Cassazione ha ritenuto inammissibili tutti i ricorsi presentati dagli imputati del processo ordinario frutto dell’indagine Fiori Bianchi. L’inchiesta che nel 2013, anche grazie alle dichiarazioni del super pentito Santo La Causa, ha smembrato pezzo per pezzo l’organigramma della cosca Santapaola-Ercolano. Filloramo è finito nel calderone della maxi operazione per un estorsione ai danni di un ristorante di Belpasso. I poliziotti sono andati a prenderlo per condurlo in cella: la Procura Generale ha emesso l’ordine di carcerazione il 18 settembre 2019.

Il nome di Filloramo, sposato con Piera Santapaola (sorella di Nitto), …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
In cella il vecchio Filloramo Il tassello (irrisolto) del delitto Fava


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer