Il procuratore di Termini Cartosio: “Livatino ucciso perché lasciato solo”

“Rosario Livatino (nella foto) morì anche perché ad Agrigento colleghi ed appartenenti alle forze dell’ordine non sempre facevano il loro dovere e lo hanno lasciato solo”. Lo ha detto a Ficarazzi (Pa) nel corso della cerimonia per l’intitolazione a Rosario Livatino dell’istituto comprensivo cittadino, il procuratore della Repubblica di Termini Imerese Ambrogio Cartosio. Il magistrato ha precisato di “non aver conosciuto il giovane collega vittima della mafia ma di aver avuto modo di incontrare per motivi di lavoro gli autori a vari livelli dell’assassinio di Livatino cui oggi va reso onore alla competenza ed all’incorruttibilità”. Dichiarazioni che rafforzano l’immagine di Livatino che ha aggiunto Cartosio “non si è lasciato condizionare neanche dal fatto che il capo provinciale di Cosa nostra, Giuseppe Di Caro, abitava al piano superiore dello stabile dove viveva Rosario Livatino con gli anziani genitori”. Per Livatino è in corso il processo di Canonizzazione …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Il procuratore di Termini Cartosio: “Livatino ucciso perché lasciato solo”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer