“Il commercio a Catania è fragile ma non è deceduto”


“Il commercio a Catania è fragile ma non è deceduto” 

Catania – “Il commercio a Catania non è deceduto, molto fragile ma non è deceduto”. E’ l’ultimo bollettino esitato da Infocamere Movimprese che arriva e accompagna quasi come un auspicio la discesa in campo della nuova squadra della neonata Confesercenti dell’area Metropolitana di Catania, guidata dall’imprenditore Claudio Miceli, presentata questa mattina alla Camera di Commercio Etnea. Presenti pure Vittorio Messina, presidente Confesercenti Sicilia e vicepresidente nazionale, Michele Sorbera, direttore regionale di Confesercenti Sicilia, il vicepresidente della Camera di  Commercio, Riccardo Galimberti, oltre un centinaio di  associati. 

“Catania è una città importantissima dal opinione commerciale, la nostra sarà un’associazione aperta al confronto – commenta Il governatore Miceli – Abbiamo già temi caldi e spinosi in agenda. La crisi economica generata dall’emergenza Covid-19 comporterà ancora conseguenze gravi, inattese ed inevitabili, almeno per buona parte del 2021, dobbiamo essere in grado di affrontarle, restando al fianco delle oltre 2500 imprese che rappresentiamo”.

“Abbiamo deciso di puntare su due strumenti di programma e di azione– spiega Claudio Miceli – una struttura operativa snella, smart, composta da tanti ragazzi, e un Comitato Tecnico-Scientifico con funzioni consultive e propositive che apra al dialogo con il mondo dell’Università, del lavoro e delle professioni”. 

Il comitato…

seguiciapprofondisci l'articolo dalla fonte