Il caso addetti alla sicurezza e il Calcio Catania. Ritardi nei pagamenti per almeno 100mila euro.

La bomba è deflagrata alla vigilia dell’ultima partita casalinga del Calcio Catania, giocata domenica 10 novembre contro la Sicula Leonzio. Da un lato la società etnea di Lega Pro, guidata dall’amministratore delegato campano Pietro Lo Monaco, e dall’altro Arturo Magni, uomo simbolo nella gestione della sicurezza delle partite al Massimino. Un connubio professionale, e non solo, che andava avanti da circa 15 anni, già prima dell’arrivo sulla sponda rossazzurra dell’attuale patron Nino Pulvirenti. A interrompere il rapporto, confermando voci che si rincorrevano da tempo, è stata proprio la World Service di Magni che dieci giorni fa, dopo averne …
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
Il caso addetti alla sicurezza e il Calcio Catania. Ritardi nei pagamenti per almeno 100mila euro.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer