Il boss non è più pericoloso Dall’ergastolo alla piena libertà


PALERMO – Per la famiglia Mulè è la seconda “buona notizia” in pochi giorni. Prima è stato scarcerato il figlio, Massimo, ora è stata revocata la sorveglianza speciale al padre, Francesco.

La sorveglianza era stata decisa nei suoi confronti con un provvedimento del 1995, rimasto in sospeso per 23 anni. Sospeso per cause di forza maggiore visto che Mulè nel frattempo ha dovuto scontare una lunga condanna per associazione mafiosa, tre omicidi e un provato omicidio durante la guerra di mafia degli anni Ottanta. La condanna era inizialmente all’ergastolo, ma alcuni anni fa una legge ne stabilì la conversione in trent’anni.

Si trattava della legge Carotti del 3 gennaio del 2000, rimasta in vigore fino al 24 novembre successivo. La …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Il boss non è più pericoloso Dall’ergastolo alla piena libertà


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer