I Pupi della famiglia Canino nel libro del prof. Viola che racconta la storia di 4 generazioni


I Pupi della famiglia Canino nel libro del prof. Viola che racconta la storia di 4 generazioni 

I Pupi della famiglia Canino: un’eredità, quella lasciata dal cavaliere Nino Canino, che vive attraverso le figlie Maria Pia e Laura. La storia di una famiglia, rappresentativa di un grande mondo, nel libro del prof. Francesco Viola, Li. La presentazione venerdì 24 luglio al Palazzo d’Aumale di Terrasini

Più che l’uscita pubblica di un libro, peraltro la prima, si potrà considerare un vero e proprio evento la presentazione de “L’opera dei pupi della famiglia Canino” di Francesco Viola, in programma alle 19 di venerdì 24 luglio nella prestigiosa sede del Palazzo d’Aumale di Terrasini, sul lungomare “Peppino Impastato”.
Un’occasione unica per fare un tuffo nel passato delle tradizioni puparesche attraverso la storia di una famiglia che tanto ha dato e lasciato in eredità a questo mondo.
«Basti pensare a Giuseppe Pitrè, che nel 1899 elogiava Liberto Canino quale innovatore rivoluzionario, un Robespierre, del teatro dei pupi a Palermo – scrive Angelo Sicilia nella prefazione – .Tante le generazioni di pupari della famiglia Canino, protagoniste di una forma d’arte in cui s’incontrano artigianato plurimo (legno, stoffa, metalli e pittura), cultura orale e tradizione teatrale. Libero Canino diede il via a una grande famiglia di opranti e artigiani dell’opera dei pupi, una vera e propria dinastia puparesca che, per passato, durata e importanza, non ha eguali ed è paragonabile in Italia forse…