I due cani avvelenati a Ribera, indagato un settantenne

7
I due cani avvelenati a Ribera, indagato un settantenne
I due cani avvelenati a Ribera, indagato un settantenne

Ad accorgersi che due cani randagi sono stati avvelenati alcuni residenti nella zona che hanno avvisato le forze dell’ordine. È intervenuto il servizio veterinario di Ribera che ha constatato il decesso degli animali che avevano la bava alla bocca ed evidenti segni di avvelenamento.

A distanza di alcuni mesi da quel 5 aprile 2019 la Procura della Repubblica di Sciacca ha chiuso le indagini e notificato l’avviso a G.S., di 76 anni. E’ l’anziano che, secondo quanto emerso dalle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Michele Marrone, con crudeltà e senza necessità avrebbe cagionato la morte dei due cani randagi che erano soliti stazionare in contrada Magone, a Ribera, avvelenandoli e poi cercando di nascondere le carcasse degli animali sotterrandole nella zona.

Il settantaseienne è indagato per uccisione di animali. Quella coordinata dal sostituto procuratore Michele Marrone è una delle indagini per le quali la procura ha individuato il presunto responsabile dell’uccisione di animali.

L’articolo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale