Gip di Caltanissetta attaccata in Antimafia, Di Matteo: il Csm la tuteli

Il Csm apra una pratica a tutela del gip di Caltanissetta del processo Montante Graziella Luparello, che è stata “pesantemente attaccata” durante una seduta della Commissione Parlamentare Antimafia dal deputato Giorgio Mulè, con espressioni che “oggettivamente delegittimano pericolosamente la figura di un magistrato particolarmente esposto anche in altri numerosi processi di criminalità organizzata”. E’ la richiesta annunciata in apertura del plenum di Palazzo dei marescialli dal consigliere di Autonomia e Indipendenza Nino Di Matteo, che ha intanto espresso “piena e incondizionata solidarietà” alla collega.
Il processo di cui si è occupata Luparello si è concluso con la condanna dell’ex Presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante, a 14 anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, “nonché di appartenenti di alto livello alle forze di Polizia ed ai servizi di sicurezza”, ha ricordato Di Matteo, richiamando che nelle motivazioni Montante viene definito “motore immobile di un meccanismo perverso di conquista …
Leggi anche altri post su Caltanissetta o leggi originale
Gip di Caltanissetta attaccata in Antimafia, Di Matteo: il Csm la tuteli


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer