Gela, guerra all’abusivismo abbattuta la prima casa fuorilegge

    33

    Il Comune di Gela dice basta all’abusivismo edilizio e dichiara guerra al mattone selvaggio. Dopo anni di ìlleciti sono state firmate le prime richieste di demolizione. Questa mattina le ruspe hanno buttato giù una villetta di 70 metri quadrati realizzata lungo la “bretella Borsellino”, sul lungomare Federico II. La costruzione era già stata sequestrata dalla guardia di finanza nel 2009. I proprietari avevano occultato lo scheletro della villetta con canne ed erbacce. Il sindaco Angelo Fasulo, ìnsieme al dirigente Renato Mauro e all’assessore all’Urbanistica Giuseppe d’Aleo, ha annunciato che saranno ìnflitte pesanti pene alle società che effettuano allacci di luce, acqua e gas agli alloggi abusivi, si tratta di multe che vanno da 10 mila a 50 mila euro. Domani, alla presenza del Procuratore di Gela, verrà firmato un protocollo di legalità tra ìl Comune e le ìmprese produttrici di calcestruzzo, che si ìmpegneranno a non fornire più materiale a cantieri non autorizzati.
     

    Gela, guerra all’abusivismo abbattuta la prima casa fuorilegge




  • CONDIVIDI