Fu ucciso da un cinghiale a Cefalù, giudice monocratico condanna la Regione

La Regione siciliana è stata condannata a pagare i danni ai familiari di Salvatore Rinaudo, 77 anni, ucciso da un cinghiale nella sua campagna di Cefalù (Pa) nella note fra il 7 e l’8 agosto 2015. Richiamata dalle grida, anche la compagna dell’uomo venne aggredita e ferita. Ora il giudice monocratico del tribunale di Palermo, Monica Montante, ha stabilito che la Regione non ha avviato un’azione appropriata per fermare la proliferazione dei cinghiali nelle Madonie e ha condannato l’assessorato all’Agricoltura a pagare oltre 371 mila euro ai familiari. Il giudice ha in pratica accolto la tesi dei legali della famiglia Rinaudo (Giuseppe Muffoletto, Maurizio Di Chiara e Sonia Lecca) secondo i quali l’eccessivo numero di cinghiali rappresenta un grave pericolo. La Regione, ha stabilito il giudice, non avrebbe infatti attuato “piani di intervento mirato che, ove posti in essere, avrebbero potuto evitare l’evento dannoso, …
Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Fu ucciso da un cinghiale a Cefalù, giudice monocratico condanna la Regione


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer