Frode all’Inps per 100mila euro, denunciate 9 persone

    36

    Le Fiamme gialle del gruppo di Palermo, nei giorni scorsi, hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica 9 cittadini dell’hinterland palermitano che si sono resi responsabili, in concorso tra loro, del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.
    In particolare, i finanzieri hanno scoperto che i denunciati, tutti braccianti agricoli, avevano dichiarato all’Inps di prestare la propria opera nel terreno nella disponibilità di un soggetto residente a Bagheria, ma che di fatto non esercitava alcuna attività imprenditoriale nel campo dell’agricoltura.
    Le indagini hanno consentito di accertare che il datore di lavoro non possedeva alcun fondo agricolo e il terreno di cui affermava avere la materiale disponibilità, nel territorio della città di Palermo, in realtà ha dimensioni talmente ridotte che non richiede il lavoro di tutte le persone che l’indagato principale ha dichiarato di avere alle dipendenze.
    Inoltre alcuni degli indagati, interrogati dai finanzieri, disconoscevano la reale ubicazione del fondo.
    I denunciati, tutti legati da vincoli di parentela o amicizia, forti del loro apparente vincolo di dipendenza con il datore di lavoro, chiedevano, quindi, all’istituto previdenziale le indennità spettanti agli agricoltori nei periodi di disoccupazione.
    Venivano, pertanto, erogate somme per circa 100mila euro assolutamente non spettanti.




  • CONDIVIDI