Floridia, si dà fuoco come un bonzo alle Case popolari: è grave in ospedale

Una disgrazia familiare si è consumata questa mattina a Floridia, poco dopo le 9. Un uomo di 35 anni, S.B., è sceso da casa, è andato nel cortile del complesso dove abita e si è dato fuoco. Il fatto è accaduto in via Garibaldi, nella zona della Case popolari di ‘Marina di Melilli’, questa mattina verso la 9.
E’ stata una scena orribile e sono stati gli stessi abitanti delle palazzine ad accorgersi che quel ragazzo, che tutti conoscono nel quartiere, stava bruciando.
Qualcuno gli ha gettato addosso dell’acqua, utilizzando anche il tubo di gomma, mentre scattava la richiesta di soccorso al 118.
In pochi minuti la zona di Marina di Melilli è diventata un budello impenetrabile con un centinaio di persone e di curiosi che si sono concentrati nelle vicinanze del cortile interno delle palazzine. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della Tenenza di Floridia, in attesa dell’arrivo dell’elisoccorso.
Sono stati i soccorritori del 118 a stabilizzare il ferito, bruciato in varie parti del corpo. I sanitari hanno avvolto S.B., con un telo ignifugo. Poi l’uomo è stato trasferito nel piazzale dei carabinieri per essere trasferito con il velivolo al Centro grandi ustionati del ‘Cannizzaro’ di Catania. Da quanto si apprende le sue condizioni sarebbero delicate.
Sul posto scene di disperazione, soprattutto della madre del 35enne che viveva in famiglia e pare che già fosse in cura per motivi depressivi.