Fiavet Sicilia: esasperati dall’immobilismo della politica, non ci resta che rivolgerci alla Procura della Repubblica


Fiavet Sicilia: esasperati dall’immobilismo della politica, non ci resta che rivolgerci alla Procura della Repubblica 

Esplode la rabbia degli agenti di viaggio, vittime della crisi ma soprattutto di un abusivismo senza freni contro il quale da anni ormai chiedono interventi seri e tempestivi senza ottenere riscontro.

Nel caos post Covid il fenomeno sembra pure essersi accentuato.

“La politica, anziché legiferare per mettere un argine a questa piaga dilagante,  fa orecchie da mercante: non ci resta che rivolgerci alla Procura della Repubblica”.

In una dura lettera, indirizzata al Presidente Musumeci e all’Assessore al Turismo Messina, l’associazione, che rappresenta centinaia di agenti di viaggio e tour operator, ha espresso il forte malcontento che vive la categoria, definendo questo particolare momento come “un punto di non ritorno”.

La lettera di Fiavet