“Favori in cambio di voti A disposizione dei politici”


PALERMO – Il “metodo Bevilacqua” si impose alle elezioni regionali del 2012. Non hanno dubbi i giudici che hanno depositato le motivazioni della sentenza con cui lo scorso marzo hanno condannato Giuseppe Bevilacqua a dieci anni e dieci mesi di carcere. Era lui il personaggio principale del processo che vedeva ventidue persone imputate a vario titolo di corruzione elettorale, malversazione, millantato credito e peculato. Lette le motivazioni le difese faranno appello.

Bevilacqua fallì per una manciata di voti l’elezione al consiglio comunale di Palermo ma, secondo la Procura della Repubblica, avrebbe cercato di fare fruttare il ‘tesoretto’ elettorale alle successive Regionali. A lui si rivolsero anche l’ex deputato regionale Nino Dina e l’ex parlamentare di …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
“Favori in cambio di voti A disposizione dei politici”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer