Fabbrica fuochi d’artificio, morti salgono a cinque. Procuratore: «Operai stavano lavorando con flex»

Una tragedia che potrebbe essere stata scaturita dai lavori per la messa in sicurezza dei locali. All’indomani dell’esplosione all’interno della fabbrica di fuochi d’artificio della famiglia Costa, a Barcellona Pozzo di Gotto, è questa l’ipotesi più concreta portata avanti dalla procura. Le rilevazioni, è chiaro, dovranno ancora fare molta strada, ma per adesso si segue questa pista. Ieri sera, intanto, sono stati trovati i resti della quinta vittima. Quattro dei morti sono operai che stavano lavorando nei capannoni di contrada Femminamorta. A loro si aggiunge Venera Mazzeo, la compagna del titolare.

«Stiamo cercando di fare il punto della situazione che presenta diversi aspetti da chiarire – ha detto il procuratore …
Leggi originale
Fabbrica fuochi d’artificio, morti salgono a cinque. Procuratore: «Operai stavano lavorando con flex»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer