Ecco la relazione del prefetto su Misterbianco. «Mai attivate difese dalle infiltrazioni mafiose»

Quarantasei pagine. Tanto ci è voluto al prefetto di Catania Claudio Sammartino per fotografare la situazione del Comune di Misterbianco e suggerire alla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese di scioglierlo per mafia. Molte di più, però, sono le pagine scritte dalla commissione prefettizia che per mesi ha visitato gli uffici municipali misterbianchesi. Tempo trascorso parlando con politici e dipendenti e acquisendo, non privo di difficoltà, la documentazione di cui aveva bisogno. 

Il quadro che viene dipinto è quello di un’amministrazione vittima (poiché gestita dai suoi carnefici) di un attuale «inquinamento e della deviazione dalle funzioni pubbliche» e di un «significativo intreccio» tra mafia, dipendenti municipali e amministratori eletti. Il …
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
Ecco la relazione del prefetto su Misterbianco. «Mai attivate difese dalle infiltrazioni mafiose»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer