È morto il pittore palermitano Giuseppe Uzzaco

1
È morto il pittore palermitano Giuseppe Uzzaco
È morto il pittore palermitano Giuseppe Uzzaco

 

È morto il pittore palermitano Giuseppe Uzzaco, 76 anni. A spezzare la vita dell’artista siciliano è stato un infarto improvviso.

Fin da giovane Giuseppe Uzzaco era in grado di dipingere opere di artisti famosi come Renato Guttuso e Giorgio De Chirico. Successivamente si afferma con uno stile tutto suo, ovvero la rappresentazione della gente povera: contadini, pescatori, operai di miniera e quant’altro.

Altra peculiarità del pittore palermitano era l’utilizzo di colori molto accesi, che danno una certa brillantezza ai suoi dipinti.

Dato il successo delle sue opere, il Comune di Palermo nel 1974 gli dedicò la prima mostra a Palazzo Butera. Da quell’anno il pittore inizia ad esporre in tutta Europa, nonché in giro per l’Italia e l’Europa in città del calibro di Roma, Parigi, Londra, Varsavia, Bari e moltissime altre. Oltre alle esposizioni, Uzzaco è famoso anche per le sue pitture murali a Isola delle Femmine, Trappeto e Montelepre.

 

Nato a Palermo, vive e opera nella stessa città. Autodidatta. Inizia a disegnare e dipingere fin da piccolissimo. La sua passione per la pittura presto lo indirizzerà a scegliere come elemento e tema per il suo lavoro la povera gente, pescatori, contadini, operai delle miniere e dell’entroterra siciliano. La sua pittura verista è rivolta alla matrice elettivamente popolana. Ben presto comincia ad esporre in molte città italiane e a Parigi, Zurigo, Londra e successivamente a Monte Rey e a Varsavia. Nel 1974 il Comune di Palermo gli dedica una mostra antologica a Palazzo Butera, seguono diversi inviti a rassegne quali la X Quadriennale di Roma artisti “Nuova Generazione” e la Biennale di Pittura Murale di Ustica. Nel corso della sua attività artistica ha realizzato pitture murali a: San Vito Lo Capo, Isola delle Femmine, Trappeto, Montelepre e altri luoghi. Nel 1982 una sua grande mostra dal titolo “Dall’entroterra alla costa – sensazioni di un viaggio”, viene realizzata a Palermo alla “Palazzina Cinese” all’interno del parco “La Favorita”. Negli anni successivi seguono le mostre di Roma alla Galleria Parametro, all’I.G.I. di Milano, Studio 71 a Palermo e altre. Ha al suo attivo oltre ottanta mostre personali ed innumerevoli mostre collettive. Le sue opere sono nelle più importanti collezioni nazionali e internazionali. 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui