Disabilità e alterazioni posturali I privati e Villa Sofia si lasciano


PALERMO – “Dal primo di novembre le Officine d’Ippocrate, centro pilota che si è occupato della prevenzione delle disabilità e delle alterazioni posturali attraverso numerose discipline, non sono più attive al Villa Sofia, facendo venire meno un’esperienza di gestione del reparto pubblico da parte del privato sociale, una gestione cioè che all’azienda ospedaliera costava relativamente poco mentre a regime ha fruttato circa un milione e mezzo dal 2013 al 2019”. Così

Girolamo Calsabianca, presidente nazionale dell’onlus Anio, associazione nazionale per le infezioni osteoarticolari e project manager delle Officine d’Ippocrate, narra la decisione dell’azienda Villa Sofia che ha stabilito di non continuare l’esperienza del progetto avviato nel 2013.

Il rapporto, come ratifica il manager del Villa Sofia-Cervello Walter Messina, era scaduto da tempo
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Disabilità e alterazioni posturali I privati e Villa Sofia si lasciano


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer