notizie

Dei pronto soccorso della provincia iblea, quello di Modica è messo peggio. Parola di D’Antona

Un po di tempo fa lo stesso direttore dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa Angelo Aliquò aveva ammesso che i pronto soccorso iblei sono al collasso specialmente per carenza di staff. Ora Vito D’Antona di Sinistra Italiana rincara la dose e lascia intendere senza mezzi termini che e il pronto soccorso di Modica quello messo più male degli altri, “Con una situazione non più sostenibile in un paese civile – scrive D’Antona – costituita da lunghe e snervanti ore di attesa su una sedia o su una barella, a cui sono costretti tanti cittadini che vi accedono per urgenze. Esprimiamo la nostra solidarietà agli addetti al reparto per lo spirito di abnegazione e per dovere operare con turni massacranti di lavoro e con poco staff, spesso preso mira dalle proteste dei degenti e dei loro parenti. Il problema – suggerisce D’Antona – va affrontato, superando gli errori e le scelte degli anni passati, il cui risultato, per Modica ad esempio, e quello di avere soltanto 4 medici di pronto soccorso sul campo, a fronte di una dotazione organica che ne prevede 13. Bisogna intervenire subito nelle sedi istituzionali opportune, al fine di porre il problema in tutta la sua gravità al centro dell’attenzione e di individuare soluzioni rapide, pure temporanee se essenziale, ad una situazione che appare sfuggita di mano e che pesa sugli utenti del territorio modicano che si recano nel reparto. Appare percio urgente – conclude D’Antona – che venga convocato tempestivamente il consiglio comunale di Modica, alla presenza dei vertici dell’Azienda Sanitaria Provinciale e della deputazione regionale e nazionale per definire, ciascuno per il proprio ruolo, una strategia che riporti alla normalità il funzionamento del pronto soccorso”. Intanto che il direttore generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale Aliquò ha firmato la delibera che indice un concorso pubblico per l’assunzi

 » Continua a leggere

Show More