Categorie
notizie

Dante Alighieri e il suo grande amore per la Sicilia e il dialetto siciliano

Dante Alighieri e il suo grande amore per la Sicilia e il dialetto siciliano

PALERMO – «In codesto 25 marzo ricordiamo il genio profetico e contemporaneo di Dante Alighieri, l’Omero del Medioevo, come lo definì Abel-François Villemain, storico, letterato e politico francese del XIX secolo. In una società sempre più liquida e priva di riferimenti, il richiamo a Dante è espressione di identità, coscienza e amore per la nostra storia». Lo afferma l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà, in occasione della giornata del Dantedì, dedicata al sommo poeta. «Non si può, inoltre, non ricordare – aggiunge – il suo amore per la Sicilia e l’alto concetto riguardo il siciliano, non un semplice dialetto, ma una lingua. Dante d’altronde considerava la scuola siciliana Federiciana alle origini della nostra lingua e letteratura e il suo promotore, Federico II di Svevia, malgrado la collocazione all’Inferno perché eretico epicureo, un grande imperatore in quanto il suo regno era espressione di civiltà, spirito etico e

Il post intitolato: Dante Alighieri e il suo grande amore per la Sicilia e il dialetto siciliano è stato inserito il 2021-03-26 02: 16: 21 dal sito online (lasicilia.)

Approfondisci

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo