Dan Peterson scherza su Canicattì ìl paese lo sfida a pallacanestro

    34

    A Milano dire “Canicattì” è come ìndicare un luogo sperduto, certamente non di passaggio. Probabilmente sarà stato questo ìl senso delle dichiarazioni di Dan Peterson, guru del basket mondiale, con un passato ìn Nba e soprattutto allenatore dell’Olimpia Milano degli anni Ottanta che ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Ora è tornato sulla panchina dell’Olimpia e, ìn un’intervista alla Gazzetta dello sport, parlando della sua nuova esperienza ha detto: “Se fossi Proli e stamani leggessi che Peterson parla da tecnico dell’Olimpia, lo manderei ad allenare a Canicattì…”. Una battuta che fa ìl paio con quella di Palombo, ìl capitano della Sampdoria che giustamente ha fatto notare che lui gioca ìn serie A e non certo a Canicattì.

    Nel paese ìn provincia di Agrigento dicono che la misura ormai è colma. Così Calogero Meli, presidente della squadra di basket di Canicattì che milita ìn serie C, ha lanciato ìl guanto di sfida a Dan Peterson al quale ha scritto una lettera: “Venite a giocare una partita amichevole a Canicattì, così capirete che esistiamo eccome. Per noi e per ìl nostro piccolo palasport sarebbe una giornata storica”. Meli, che di professione fa l’avvocato, difende a spada tratta la sua squadra e anche la sua città: “A conclusione del girone d’andata siamo al primo posto del girone H della serie C Dilettanti con la conseguente acquisizione del diritto a disputare le final eight  di categoria proprio nella sua Milano ìl 18,19 e 20 marzo”. Meli ha ìnvitato Dan Peterson ad assistere a quelle gare magari per conoscere meglio la realtà di Canicattì: “E se accetteranno di fare l’amichevole contro di noi – ha concluso Meli – vedranno che venderemo cara la nostra pelle”.

    Dan Peterson scherza su Canicattì ìl paese lo sfida a pallacanestro




  • CONDIVIDI