Da ‘Mery per sempre’ al ‘Cassarà’ “Ora salviamo le ragazze abusate”


PALERMO– Daniela Crimi, professoressa e preside per invincibile passione, ha una storia che si lascia raccontare volentieri, perché suggerisce uno scenario di speranze. Negli anni di ‘Mery per sempre’ insegnava al carcere minorile di Palermo, aveva a che fare con giovani che non possedevano lacrime, principalmente rabbia. Poi ha percorso tutti i gradini della scuola e adesso, da dirigente del liceo linguistico ‘Cassarà’, fra gli altri doveri della didattica, si occupa di ragazze abusate, maltrattate, terrorizzate.

“Sì – dice, questa rammendatrice di anime, sempre schiva nell’esporsi, tanto da doverla forzare -. Sono qui dal 2010, cinque anni fa ci siamo inventati, e l’impegno dei colleghi è fondamentale, uno sportello d’ascolto. E’ vero: vengono specialmente ragazze e abbiamo scoperto un mondo di brutture e di risalite”.  Palermo o su Catania o leggi originale
Da ‘Mery per sempre’ al ‘Cassarà’ “Ora salviamo le ragazze abusate”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer