Covid-19, spavento per un turista fermato al porto di Palermo ma è negativo al test


Covid-19, spavento per un turista fermato al porto di Palermo ma è negativo al test 

È negativo il tampone del turista fermato al porto di Palermo e trasportato all’ospedale Cervello con febbre alta. Lo rende noto l’Autorità sanitaria marittima (Usmaf). Stasera riprenderà il suo viaggio.

Il giovanotto si sarebbe dovuto imbarcare sul nave Palermo-Genova ma il personale medico ne ha impedito l’accesso allertando immediatamente la Croce Rossa. Attraverso un’ambulanza è stato quindi trasportato all’ospedale Cervello per tutti gli accertamenti del caso.

Tutto ciò è stato ridato possibile con un accordo, siglato pochi giorni fa, tra la Cri e l’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale e attivo in altri tre porti oltre a quello di Palermo: Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle

ll servizio avrà durata di tre mesi e prevede che un’ambulanza della CRI, con personale medico e paramedico,  stazioni quotidianamente in porto per prestare assistenza sanitaria e di primo soccorso nell’ipotesi in cui, a seguito dei controlli effettuati nei porti da parte del personale addetto e/o dall’autorità sanitaria, emerga che un viaggiatore abbia una temperatura superiore ai 37,5° e/o accusi una sintomatologia riconducibile al Covid-19. In tali casi, la CRI procederà a effettuare le verifiche per accertare il quadro clinico del paziente e isolare lo stesso e/o il nucleo familiare in ambulanza o in ambiente idoneo ed espletare tutte le ordinanze di assistenza e le segnalazioni previste per legge.

seguici...sullo stesso argomento