Corruzione Anas, guard rail pagati e non sostituiti. La stessa ditta vince appalto per cambiare i giunti

Una ditta finita nei guai perché, tramite un suo uomo di fiducia, avrebbe pagato tangenti per finte sostituzioni di barriere protettive lungo alcune strade e, all’orizzonte, la stessa società che si aggiudica, nel pieno dell’inchiesta, un appalto da 300mila euro per la manutenzione dei giunti danneggiati nelle stesse arterie. Il clamoroso cortocircuito ha come protagonista la milanese I.F.I.R. Tecnologie stradali, azienda finita sotto la lente d’ingrandimento della guardia di finanza di Catania nell’ambito dell’inchiesta Buche d’oro 3. Ultimo capitolo di un’indagine che ha svelato la corruzione che da anni si annidava all’interno del compartimento etneo di
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
Corruzione Anas, guard rail pagati e non sostituiti. La stessa ditta vince appalto per cambiare i giunti


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer