Controllo del territorio, 4 arresti e 40 denunce

    34

    In prossimità delle festività natalizie, il comando provinciale dei carabinieri di Palermo ha predisposto un servizio straordinario di controllo del territorio a tutela del cittadino protrattosi dalle 7 del 17 sino alle 7 del 18 dicembre.
    Oltre 130 carabinieri impegnati in servizi di perlustrazione di varie zone della città; numerose sono state le pattuglie che hanno passato a setaccio l’intera area, dal centro all’hinterland, da Carini a Bagheria, con scopo preventivo, ma anche repressivo.

    I carabinieri hanno svolto vari tipi di controlli: dal rispetto del codice della strada e della normativa riguardante gli esercizi pubblici e l’emergenza rifiuti, sino alle verifiche dei soggetti sottoposti agli arresti domiciliari e l’attività di contrasto al mercato dello spaccio di sostanze stupefacenti.
    Il risultato è stato di 4 arresti e 40 persone denunciate a piede libero; 430 i soggetti agli arresti domiciliari controllati e 190 le contravvenzioni al codice della strada che sono state elevate.
    Sono stati inoltre controllati 46 esercizi commerciali e sono state rilevate 12 discariche incontrollate. 

    In particolare in merito ai controlli di soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà 3 persone per evasione ed una per violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale; mentre hanno tratto in arresto Giuseppe Monachino, palermitano, classe 1966, agli arresti domiciliari per furto, con l’accusa di evasione.
    I controlli relativi al mercato delle sostanze stupefacenti hanno portato 3 denunciati a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e per detenzione illegale di munizionamento ed un arrestato, Claudio Accetta, palermitano classe 1983, con l’accusa di spaccio poiché trovato in possesso di 10 grammi di cocaina e 2 di marijuana.
    Inoltre è stato eseguito un ordine di carcerazione a carico di Rocco La Corte, palermitano classe 1947 dovendo espiare 11 mesi e 6 giorni di reclusione per ricettazione e porto abusivo di armi.

    L’attività repressiva dei militari ha portato anche ad un arresto per furto aggravato, eseguito dai carabinieri che hanno sorpreso Mauro Forestieri, palermitano classe 1959 mentre scassinava un distributore automatico dell’istituto professionale “Einaudi” allo scopo di impossessarsi di bevande e denaro.
    Sono state inoltre denunciate ben 14 persone per furto di energia elettrica, le quali, con allacci abusivi, sottraevano energia dalla pubblica illuminazione.
    Denunciati a piede libero anche 3 titolari di agenzie di scommesse sportive per aver esercitato l’attività in assenza di autorizzazione rilasciata dall’Autorità di pubblica sicurezza e tre soggetti per disturbo alla quiete pubblica e guida in stato di ebbrezza.
    Fotogallery




  • CONDIVIDI