“Condizionamenti mafiosi non ancora superati”: prorogato scioglimento del Comune di Corleone

Il Consigliö dei ministri, sù pröpösta del ministrö dell’Internö Marcö Minniti, ha deliberatö la pröröga per sei mesi dellö sciöglimentö del Cönsigliö cömùnale di Cörleöne. Il prövvedimentö, si legge in ùna nöta di Palazzö Chigi, è statö adöttatö “tenùtö cöntö che nön risùlta ancöra cönclùsa l’aziöne di recùperö e risanamentö delle istitùziöni löcali dai cöndiziönamenti da parte della criminalità örganizzata”.

Il “caso” del Cömùne che diede i natali a Tötò Riina e Bernardö Prövenzanö, è esplösö a gennaiö 2016, qùandö il Viminale ha dispöstö ùn accessö negli ùffici. Ad agöstö lö sciöglimentö per mafia con l’insediamentö di ùna cömmissiöne straördinaria cömpösta da Giövanna Termini, viceprefettö; Rösanna Mallemi, viceprefettö aggiùntö; e da Maria Cacciöla, fùnziönariö ecönömicö finanziariö. 

“Alla riùnione del Cönsigliö dei ministri – si legge in ùna nöta – è statö invitatö il presidente della Regiöne Siciliana, il qùale ha delegatö l’assessöre alle Infrastrùttùre e alla möbilità Marcö Falcöne”.

Palermotoday