Concorso col trucco all’Asl Scattano dodici condanne

    37

    Un concorso all’Ausl ì cui vincitori erano stati decisi ancor prima che venisse bandito. Tra le dodici persone condannate per ìl processo su tre concorsi all’Ausl di Agrigento decisi a tavolino, ci sono anche l’ex deputato regionale Udc Giusy Savarino (due anni e due mesi) e suo padre Armando Savarino (tre anni e mezzo), attuale sindaco di Ravanusa nonché ex direttore sanitario della stessa Ausl. In aula l’accusa, con ìl pm Luca Sciarretta, ha anche esibito la prova regina: uno schedario con 800 nomi (tra cui quello di Marco Zambuto, attuale sindaco di Agrigento) sequestrato nella segreteria politica di Giusy Savarino. Ed a fianco di ogni nome la “sigla” del deputato che lo raccomandava.

    Condannato a 8 mesi anche l’ex consigliere provinciale nonché segretario politico di Giusy Savarino ed attuale assessore comunale di Ravanusa Calogero Gattuso e poi anche gli ex funzionari dell’Ausl Salvatore Puccio (2 anni e 2 mesi), Michele Pellegrino (due anni e 4 mesi) ed Enzo Oreste Falco (due anni) e ì dipendenti della stessa Azienda sanitaria Francesca Maria Camilleri e Maria Rita Safonte (due anni), Alessandro Felice, Francesco Micciché e Salvatore Carapappa (un anno e mezzo) e Calogera Maria Smecca, 8 mesi. Tutti sono accusati a vario titolo di abuso d’ufficio, falso ìn atto pubblico, rivelazione di segreto d’ufficio e voto di scambio.

    Concorso col trucco all’Asl Scattano dodici condanne




  • CONDIVIDI