Comiso, provoca lesioni alla giovane convivente: finisce in carcere

I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Comiso hanno compiuto un’ordinanza applicativa di misura cautelare della custodia in carcere, diffusa dal Tribunale di Ragusa – Ufficio del G.I.P. su richiesta dalla Procura della Repubblica di Ragusa, verso di un ventottenne comisano, già noto alle forze dell’ordine, gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti e lesioni personali aggravate ai danni della convivente, ventenne, e della figlia di due anni.
In particolare, la notte del 20 settembre scorso una Volante della Polizia di Stato interveniva presso il P.T.E. di Comiso per una giovane femmina, lì giunta per ricevere cure sanitarie, che riferiva di esser stata aggredita dal compagno.
La femmina precisava di esser stata colpita con calci e pugni dal convivente, per futili motivi, e che, dopo l’aggressione, era riuscita a scappare dall’abitazione per recarsi al presidio sanitario.
A seguito delle …
Leggi anche altri post su Ragusa o leggi originale
Comiso, provoca lesioni alla giovane convivente: finisce in carcere


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer