Caos organico, in mano ai sindaci restano opzioni ridotte. «Gli sforzi dell’area rischiano di essere vanificati».

Sono una ventina i Comuni del palermitano che nell’ultimo mese hanno problemi a conferire l’umido e non sono pochi quelli che hanno deciso di sospendere la raccolta dell’organico. Una battuta d’arresto quindi per ora si registra proprio in quei territori che avevano dato prova di efficienza ed efficacia delle politiche messe in campo in questa direzione. La causa è la carenza degli impianti dove poter portare i rifiuti. Mentre quelli esistenti chiudono per aver raggiunto i limiti autorizzati, per fare manutenzione. In questo contesto i sindaci denunciano poi aumenti nei costi per tonnellata e si fa strada il fenomeno degli intermediari, cioè aziende private che, in modo del tutto legale, cercano dove poter conferire i rifiuti al posto dei Comuni. Per il conferimento dei Comuni a Bellolampo il calcolo fatto al tavolo dell’incontro riguarda lo smaltimento di …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Caos organico, in mano ai sindaci restano opzioni ridotte. «Gli sforzi dell’area rischiano di essere vanificati».


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer