Cani prigionieri e nutriti con teste di cinghiale. Blitz e denuncia per cacciatore di Calatabiano

Ai suoi cani, tenuti in condizioni raccapriccianti, dava da mangiare delle teste di cinghiale. Sarebbero così diventati ancora più aggressivi verso della preda, temprati per diventare spietati animali da caccia. In realtà, erano gravissime le circostanze di maltrattamento a danno di ben 43 cani varie razze ed età e di due cavalli, privi di microchip in evidente stato di denutrizione. Così la polizia ha denunciato un cacciatore di Calatabiano, S. G., proprietario degli animali e dei locali fatiscenti e in drammatiche condizioni igienico-sanitarie dove venivano allevati, al piano terra della sua abitiazione. 

A intervenire, i poliziotti della squadra a cavallo e cinofili dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della questura etnea. Sul posto veniva richiesto anche l’intervento della polizia scientifica, che effettuava i rilievi fotografici, nonché del personale veterinario dell’Asp. Gli animali …
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
Cani prigionieri e nutriti con teste di cinghiale. Blitz e denuncia per cacciatore di Calatabiano


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer