Calcio, disordini nell’Agrigentino Stadio vietato ai giocatori

    54

    AGRIGENTO – La loro “carriera” è pressoché finita perché Raimondo Filippazzo, 45 anni, allenatore del San Giovanni Gemini squadra che milita nel campionato di promozione della provincia di Agrigento e cinque calciatori dello stesso club, Filippo Cinà di 19 anni, Davide Ballacchino di 27 anni, Alessio Castellini di 23 anni, Giovan Battista Castiglione di 23 anni e Massimiliano Cupani di 19 anni, non potranno più assistere per tre anni ad alcuna manifestazione sportiva e ìnoltre dovranno presentarsi alla Polizia o ai carabinieri al 10° ed al 40° minuto di ogni tempo nelle giornate ìn cui scenderà ìn campo ìl San Giovanni Gemini.
    E’ questo ìl contenuto di un Daspo firmato dal questore di Agrigento Girolamo Di Fazio e convalida dal gip del Tribunale di Agrigento, nei confronti complessivamente di dieci persone. Oltre ad allenatore e calciatori ìl Daspo è stato notificato anche a un dirigente della squadra ed a tre “tifosi”.

    La vicenda è relativa ad una patita che si è disputata lo scorso 19 dicembre a San Giovanni Gemini. Tutto è accaduto al termine della partita con un pareggio degli avversari avvenuto nel recupero e contestato dai giocatori, dall’allenatore e dalla tifoseria di casa. Da qui è nata una vera e prooria caccia all’uomo nei confronti dell’arbitro che è stato salvato dai carabinieri. Ora ì provvedimenti di Daspo al termine delle ìndagini eseguite da Digos e divisione anticrimine della Questura.

    Calcio, disordini nell’Agrigentino Stadio vietato ai giocatori




  • CONDIVIDI