“Calcio d’inizio”, una squadra per i detenuti

    143

    Stamattina è stato presentato presso la sede del Coni Sicilia il progetto “Calcio d’Inizio”, con l’obiettivo principale dell’inserimento socio-lavorativo dei detenuti del carcere Pagliarelli di Palermo, attraverso la creazione di una rete di collegamento tra l’Istituto stesso e il tessuto sociale del territorio tramite l’esperienza sportiva.
    Gli stessi detenuti realizzeranno un campo di calcio dentro la struttura carceraria e la successiva formazione di una squadra di calcio sotto la guida dell’ex allenatore del Palermo, Ignazio Arcoleo.
    “Rispondo con tanto piacere a questa proposta – dice Ignazio Arcoleo – considerando questo progetto davvero importante e sentendo il dovere di aiutare coloro i quali stanno peggio di noi.
    Quando allenavo il Palermo molto spesso siamo andati a trovare questi ragazzi detenuti e alla vista interna di quella struttura capivamo la fortuna che avevamo nello stare liberi e il bisogno che anche alcune di queste persone avevano di far qualcosa per riabilitarsi.
    Spesso mi arrivavano lettere con scritto che si sentivano davvero liberi quando ascoltavano la partita del Palermo e quando vinceva, quindi bisogna innanzitutto avere un pò di comprensione per questa gente e analizzarli caso per caso non giudicandoli.
    Questa è una grande opportunità per loro e sono sicuro che anche i miei colleghi e i miei ex giocatori verranno con me a far visita a questi ragazzi e cercheranno di aiutarli.
    Questo è un progetto che deve assolutamente essere portato avanti nel tempo con costanza non facendolo finire solamente qua”.
    “Come ho sempre detto – dice Massimo Costa, presidente del Coni- penso che lo sport sia una vera e propria terapia di recupero sia per i ragazzi che per le persone che hanno avuto incidenti di percorso quindi in quanto Coni siamo disponibili per portare avanti questo progetto”.
    Fotogallery




  • CONDIVIDI