Boss e nipote presi con un mini-arsenale: Tribunale acquisisce video dei militari dell’arma

E’ ripreso questa mattina, nonostante lo sciopero in atto degli avvocati a cui ha aderito anche la camera penale di Agrigento, il processo a carico di Antonio Massimino, 51enne considerato al vertice della famiglia mafiosa della Città dei Templi, e del nipote Gerlando, 26 anni, arrestati dai militari dell’arma della Compagnia di Agrigento lo scorso febbraio perché trovati in possesso di un mini-arsenale composto da una pistola calibro 7.65, munizioni di diverso calibro e due penne-pistola perfettamente funzionanti. 

Al centro dell’udienza l’importante riserva che i giudici della prima sezione penale erano chiamati a sciogliere in merito alla richiesta del pm Gloria Andreoli: la questione tutta in punta di diritto è legata all’ingresso (o meno) nel processo dei filmati dei militari dell’arma che riprendono i Massimino nel momento in cui maneggiano le armi e che, di fatto, stanno alla base dell’arresto. Secondo la difesa, rappresentata …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Boss e nipote presi con un mini-arsenale: Tribunale acquisisce video dei militari dell’arma


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer