Borsellino quater, sentenza d’appello ratifica depistaggio. Condannati boss e falsi pentiti, di nuovo salvo Scarantino.

Il depistaggio c’è stato. La corte d’assise d’appello di Caltanissetta ratifica in toto la sentenza diffusa dalla corte d’assise il 20 aprile del 2017. Tutti condannati, quindi. E di nuovo salvo Scarantino. Questa la decisione dei giudici, dopo ore di camera di consiglio, che mette un punto al processo di secondo grado Borsellino quater sulla strage di via D’Amelio. Alla sbarra i boss palermitani Vittorio Tutino e Salvo Madonia, per i quali viene riconfermato l’ergastolo, insieme ai finti pentiti Francesco Andriotta e Calogero Pulci, condannati rispettivamente a dieci anni per calunnia, proprio come nel 2017. E, infine, Vincenzo Scarantino, per cui viene considerato estinto per prescrizione il reato di calunnia. La pg Lia Sava, alla fine della …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Borsellino quater, sentenza d’appello ratifica depistaggio. Condannati boss e falsi pentiti, di nuovo salvo Scarantino.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer