notizie

Beppe Alfano, lo sfogo della figlia Sonia: “Spesso ci siamo sentiti soli”

#Messina

PALERMO – “Sebbene sia una conferma del ruolo del boss quale mandate dell’uccisione di mio padre, questa decisione, per chi cerca la verità e per chi come noi crede nella giustizia, ha il sapore di una sconfitta. I miei familiari ha sempre evidenziato l’anomalia giudiziaria che ha caratterizzato questa richiesta di revisione che di fatto non portava nuovi elementi che mettessero in questione la sentenza del boss. Abbiamo solo perso altro tempo. Sono trascorsi gia trent’anni senza riuscire a risalire ai cosiddetti mandanti occulti. Un obiettivo che vediamo allontanarsi col passare del tempo”, lo dice Sonia Alfano figlia del giornalista Beppe ucciso a Barcellona Pozzo di Gotto l’8 gennaio 1983 da sicari mafiosi, commentando con Ossigeno per l’Informazione la decisione della Corte d’assise d’ricorso di Reggio Calabria che ha rigettato, nel marzo 2022, l’istanza di revisione del processo a carico di Gullotti, presentata dai suoi legali nel 2019.


PAGN2975

Livesicilia Messina

Show More

Articoli simili