Bari-Palermo 1-1

    61

    Il Palermo pareggia contro il fanalino di cosa Bari al San Nicola.
    Delio Rossi si affida al solito 4-3-2-1 con Sirigu in porta, in difesa da destra verso sinistra Cassani, Bovo, Goian, Balzaretti, a centrocampo Nocerino, Bacinovic e Migliaccio, sulla trequarti Pastore e Ilicic e Miccoli unica punta.
    Il Bari di Ventura si dispone con il 4-4-2 con Padelli in porta, in difesa da destra verso sinistra Masiello, Rossi, Belmonte e l’ex Raggi, a centrocampo da destra verso sinsitra Alvarez, Donati, Gazzi e Rivas, in attacco Kutuzov e il rientrante Barreto.

    Il Palermo, nonostante un inizio di partita blando, confeziona la prima occasione da gol, con un tiro di Pastore che si spegne di poco a lato.
    I rosanero hanno evidenti difficoltà nella costruzione della manovra, il loro palleggio risulta lento e prevedibile, consentendo al Bari un’agevole guardia.
    I biancorossi per attaccare si affidano alle ripartenze sugli esterni Rivas e Alvarez che fanno ammattire i rosanero in fase difensiva.
    Dopo un sospetto fallo di mano di Goian in area con annesse proteste, il Bari resta in 10 per l’espulsione di Marco Rossi, già ammonito, che commette un fallo da codice penale su Nocerino a centrocampo.

    Nonostante la superiorità numerica il Palermo non riesce a trovare spazi e il Bari che nel frattempo ha sostituito Barreto con Rinaldi, continua a fare buona guardia.
    Al secondo minuto di recupero però il Palermo passa in vantaggio.
    Ilicic calcia di sinistro da fuori area e il suo tiro viene deviato da Belmonte, a quel punto la palla diventa una palombella imprendibile per Padelli:1 a 0 e fine primo tempo.
    Nella ripresa Delio Rossi è costretto a sostituire Miccoli, infortunatosi in precedenza, per Maccarone.
    Il Palermo prova a rallentare ulteriormente il ritmo della partita, ma al cinquantunesimo minuto il Bari pareggia.
    Goian smanaccia su Rivas in area.
    Rizzoli concede il penalty e Masiello si presenta davanti a Sirigu, che intuisce ma non para il tiro: 1-1.

    Il Palermo prova a reagire con un gran destro di Cassani parato da Padelli, ma continua a evidenziare una lentezza esasperante in fase di possesso palla.
    Il Bari invece rinfrancato dal gol prova addirittura a fare pressing sugli avversari, nonostante l’inferiorità numerica.
    Il Palermo non riuscendo ad entrare in area si affida alle conclusioni da fuori area, ma nè Nocerino nè Cassani riescono a trovare il grande bersaglio.
    Il Bari ormai stanco si rende pericoloso una volta sola con Caputo, che tira da casa sua trovando un Sirigu confuso che respinge alla viva il parroco.
    Delio Rossi toglie uno snervante Pastore per mettere Kasami e inserisce anche Liverani per Bacinovic.
    Il Palermo si attrezza per il forcing finale nei tre minuti di recupero.
    Kasami prima taglia dentro per Maccarone che a tu per tu con Padelli perde l’attimo per calciare.

    Successivamente lo stesso Maccarone calcia di sinistro un cross di Cassani, ma la palla si spegne a lato e la partita si conclude sull’uno a uno.
    Il Palermo ha sprecato una grossissima occasione, non approfittando della superiorità numerica.
    La squadra ha evidenziato grosse difficoltà in fase di palleggio ed ha trovato un Bari abile nel chiudere tutti gli spazi.
    Si conclude dunque l’anno solare 2010 per il Palermo, un anno che tra luci ed ombre si può definire comunque più che positivo.
    Appuntamento a Gennaio 2011 al Barbera per Palermo-Sampdoria.




  • CONDIVIDI