Balestrate, blitz in un magazzino: trovati 2 lavoratori in nero e merce “poco sicura”

62
Balestrate, blitz in un magazzino: trovati 2 lavoratori in nero e merce
Balestrate, blitz in un magazzino: trovati 2 lavoratori in nero e merce "poco sicura"

Oltre 32.000 articoli tra materiale elettrico ed informatico, giocattoli, orologi, casalinghi, articoli per la casa e per il fai da te e prodotti di vario genere non conformi alla normativa sulla sicurezza, contraffatti e riproducenti un marchio CE falso, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza all’interno di un grande magazzino gestito da imprenditori di nazionalità cinese a Balestrate.

I finanzieri, nel corso dell’ispezione, hanno trovato migliaia di articoli privi delle indicazioni in italiano per il consumatore ovvero del marchio “CE” che ne attesta la conformità alle disposizioni vigenti in tema di sicurezza. E parte dei prodotti avevano sulla confezione e sugli stessi articoli, marchi “CE” palesemente mendaci che potevano indurre in inganno il consumatore finale.

Dagli accertamenti svolti nei confronti dei lavoratori, è stato scoperto che su tre dipendenti, due svolgevano l’attività completamente “in nero”.

Il responsabile, di etnia cinese, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Palermo per contraffazione ed utilizzo di segni mendaci e – per le violazioni al Codice del Consumo – è stato contestualmente segnalato alla Camera di Commercio che provvederà ad irrogare le relative sanzioni pecuniarie che vanno da 516,46 a 25.823,00 euro.

Per quanto concerne le violazioni in materia di lavoro, è stata avanzata all’Ispettorato Provinciale del Lavoro di Palermo apposita proposta di sospensione dell’attività commerciale, visto che è stata superata la soglia del 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro.