Augusta, la Capitaneria sequestra al Cristo Re pesce sprovvisto di tracciabilità

Una pattuglia della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta ha effettuato un controllo di polizia nel centro storico, nei pressi della chiesa di Cristo Re, verso di venditori ambulanti di prodotto ittico sprovvisto di tracciabilità.
Nei confronti dei trasgressori è stata comminata una sanzione amministrativa pari a circa € 1.500, mentre il prodotto ittico, sottoposto a sequestro, è stato dapprima fatto controllare dal competente Servizio Veterinario, di Augusta, dell’Azienda Sanitaria Provinciale, ed essendo stato giudicato non idoneo al consumo umano, è stato avviato a corretto smaltimento.
Rimane sempre l’alta l’attenzione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera nel perseguimento di quelle indebite condotte che possano mettere a repentaglio la salute dei cittadini, attraverso la messa in vendita di prodotto ittico di dubbia provenienza, o comunque non correttamente conservato.

Leggi anche altri post su Siracusa o leggi originale
Augusta, la Capitaneria sequestra al Cristo Re pesce sprovvisto di tracciabilità


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer