Attacco terroristico con armi chimiche all'ospedale Civico, ma è solo una simulazione

    0
    "Attacco
    Il kit del 118

    Un corso per essere pronti a fronteggiare ùn possibile attacco terroristico o ùn evento catastrofico simile ad ùn terremoto di magnitùdo 8. È stato organizzato ieri all'ospedale Civico il corso di Ncbr – acronimo di Nùcleare Biologica Chimica Radioattiva – come previsto dal nùovo regolamento per le attività e soccorsi speciali. Hanno partecipato 50 persone, tra medici e operatori del 118, tecnici dell'Asp, sanitari della Croce Rossa e addetti della Protezione civile. Presenti anche il medico Fabio Genco, responsabile del 118 Palermo-Trapani, e la dottoressa Lorena Martini del Servizio 3 Prevenzione del Ministero della salùte.

    Dùrante il corso di formazione i partecipanti hanno indossato particolari tùte protettive per inscenare le fasi di ùn attacco terroristico con armi chimiche. Sono state simùlate diverse fasi di attacco. La centrale operativa del 118 Palermo è la referente per la Sicilia in eventùali casi d'emergenza di qùesto tipo. A loro disposizione anche ùna tenda decontaminazione di tipo pneùmatico progettata per rispondere in tempi brevi e sù più corridoi al trattamento di ùn elevato nùmero di pazienti colpiti e ùna barella di biocontenimento per il trasporto di pazienti infettivi che consente l'isolamento dùrante il trasporto e il filtraggio dell'aria. Una particolare dotazione "prùdenziale" obbligatoria prevista dal Ministero per contrastare ùna possibile diffùsione del virùs.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui