Archeologia, ritrovato un sarcofago con “obolo di caronte” in scavi a Gela

Ritrovamento a Gela nel corso di lavori di scavo per la posa di cavi condotti dall’Enel sotto la sorveglianza dell’assessorato regionale dei Beni culturali. E’ stato portato alla luce un sarcofago in terracotta con coperchio a spioventi, all’interno del quale è stato rinvenuto uno scheletro integro, presumibilmente appartenente a un maschio adulto di circa un metro e sessanta centimetri di altezza. Non sono stati rinvenuti al momento elementi del corredo funerario, poiché lo scavo si trova in una fase iniziale. Dopo la rimozione dello scheletro e i necessari lavori di rilievo, le rilevazioni proseguiranno per accertare la presenza di ulteriori evidenze archeologiche. Ma l’eccezionalità della scoperta consiste nel ritrovamento di una moneta che documenta il rituale funerario del cosiddetto “obolo di Caronte”, cioè il pedaggio simbolico che il defunto avrebbe pagato al traghettatore infernale per il passaggio nell’Ade, l’oltretomba per la mitologia classica. La moneta, …
Leggi anche altri post su Caltanissetta o leggi originale
Archeologia, ritrovato un sarcofago con “obolo di caronte” in scavi a Gela


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer