Alfano e la successione a Berlusconi “Voci su di me, colpa della sinistra”

    25

    Tornato nella sua provincia d’origine, Agrigento, per l’inaugurazione del cantiere che servirà a realizzare ìl raddoppio della Statale 640, ìl ministro della Giustizia, Angelino Alfano, predica prudenza sul suo futuro politico che lì, vedono, più che roseo. Un futuro che porta a Palazzo Chigi. “A me hanno ìnsegnato che per avere un successore si presuppone l’esistenza di un “de cuius”  –  si schermisce Alfano  –  Berlusconi è vivo, vegeto e forte e tutti noi siamo accanto a lui per sostenere questa stagione di riforme e fatti”. Secondo Alfano, ìl tamtam sulla successione al premier, non è frutto dell’auspicio di chi fa ìl tifo per lui, ma “è una cosa che viene alimentata dalla sinistra e dall’opposizione”. 

    Alfano e la successione a Berlusconi “Voci su di me, colpa della sinistra”




  • CONDIVIDI