Agrigento, picchiato dopo il veglione in discoteca; pistolettata alla mano per un 70enne, 3 feriti dai “botti” di Capodanno

133
Agrigento, picchiato dopo il veglione in discoteca; pistolettata alla mano per un 70enne, 3 feriti dai “botti” di Capodanno
Agrigento, picchiato dopo il veglione in discoteca; pistolettata alla mano per un 70enne, 3 feriti dai “botti” di Capodanno

Brutto episodio di violenza all’esterno di un noto locale agrigentino dove era in corso una serata danzante per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Un 28enne agrigentino è rimasto ferito in seguito ad una aggressione verificatasi davanti una discoteca nel quartiere di Villaggio Mosè.

Secondo una prima ricostruzione il giovane sarebbe stato aggredito alle spalle. Sul posto il personale medico che ha trasportato il 28enne in ospedale dove gli sarebbero stati riscontrati un trauma cranico e altri traumi sparsi in tutto il corpo.

Subito dopo la chiamata di emergenza sul posto i carabinieri del nucleo radiomobile di Agrigento. Avviate indagini per risalire a movente e responsabili.

I botti di Capodanno, almeno questa volta, non hanno provocato danni irreparabili. Ad Agrigento, le prime notizie che arrivano sono confortanti: tre persone medicate al Pronto soccorso degli ospedali di Agrigento e Canicattì per ferite provocate dallo scoppio di petardi ; un 70 enne di Palma medicato per ferita da arma da fuoco a Licata. Numerosi casi di intervento per abusi di alcol.

E’ il bilancio quasi definitivo della notte di Capodanno. Al San Giacomo d’Altopasso di Licata l’episodio più inquietante dove un 70enne è stato medicato per le ferite riportate alla mano e causata da un colpo di pistola. Non convince i carabinieri la versione fornita secondo la quale l’uomo stava pulendo l’arma quando è partito accidentalmente il colpo.