Agrigento, inchiesta “Ponos” sul caporalato, Patronaggio: “Lotta a sfruttatori ostacolata da omertà” (vd)

“La nuova normativa sul caporalato non ha dato i risultati che il governo e il parlamento si aspettavano. I motivi? L’omertà in primo luogo, le organizzazioni criminali lucrano sul lavoro nero e chi gestisce questi giri ha la consapevolezza di non andare incontro a denunce ed esposti”.

Lo ha detto il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, commentando gli sviluppi dell’operazione “Ponos” che ha fatto scattare otto fermi, eseguiti dai militari dell’arma, nell’ambito di un’indagine su un vasto giro di caporalato che avrebbe portato a guadagni illeciti per circa un milione di euro.

“Per sfruttare il lavoro nero aggiunge Patronaggio che ha coordinato l’inchiesta insieme al pm Gloria Andreoli – bisogna avere le spalle larghe, sapere che nessuno ti denuncerà o presenterà esposti. Il lavoro nero colpisce in prima battuta gli extracomunitari ma non solo. Danneggia anche gli italiani che faticano a ritagliarsi uno …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Agrigento, inchiesta “Ponos” sul caporalato, Patronaggio: “Lotta a sfruttatori ostacolata da omertà” (vd)


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer