28 migranti via dall’hotspot. Paura a Ragusa: 9 positivi


28 migranti via dall’hotspot. Paura a Ragusa: 9 positivi 

Sempre più complicata la gestione degli immigrati in Sicilia. Mentre continuano gli sbarchi, con circa 300 persone arrivate a Lampedusa alle prime luci dell’alba, nella Regione cresce la terrore per un possibile rischio sanitario. La scorsa notte, infatti, sono scappati dall’hotspot di contrada Cifali a Ragusa 28 stranieri: tra questi, ben 9 soggetti erano risultati positivi al covid-19.

A rendere pubblica la notizia attraverso un video postato su Facebook è stato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, al termine di una visita-lampo nell’hotspot. Non solo la fuga: i migranti si sono resi responsabili pure di azioni di violenza contro gli uomini dell’Arma. “Un atto gravissimo e incomprensibile, se si pensa che le forze dell’ordine hanno provato ai impedire che lasciassero la struttura e un militari dell’arma è rimasto ferito ed è finito in ospedale”, ha detto l’assessore che ha spiegato come “nove persone sono risultate positive e altre persone sono in quarantena“.

Razza denuncia pure la mancanza di un preciso piano da parte del governo nazionale sulla questione immigrati: “Abbiamo alzato l’asticella, stiamo accendendo i riflettori su questa vicenda e lo stiamo facendo perché il sistema sanitario regionale e lo dico a tutti gli esponenti politici pure a quelli di Pd e 5stelle che sta effettuando scelte in questi giorni si sta levando la vita, medici infermieri, il personale delle Usca, laboratori analisi, pretendiamo rispetto e adesione ai…

seguici...sullo stesso argomento