“Prendiamoci alla lettera”, a Palermo uno stage di scrittura creativa e pre-editing

    137

    “Prendiamoci alla lettera” è il titolo dello stage di scrittura creativa e pre-editing, organizzato dal “Salotto Letterario” e in programma a Palermo venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 gennaio.
    Per le iscrizioni c’è tempo fino al prossimo 14 gennaio.

    Lo stage che durerà dieci ore è destinato a coloro i quali desiderino appropriarsi delle tecniche fondamentali per l’ideazione, l’elaborazione e la stesura di un racconto o di un romanzo.
    Saranno inoltre date, durante lo stage, le indicazioni necessarie per la corretta elaborazione del pre-editing del testo.
    Il costo di partecipazione è di 105 euro (90 euro per i soci del Salotto Letterario).
    Docente sarà la editor Laura Scaramozzino.
    Organizzazione a cura di Sandrina Piras.
    Per iscriversi, occorre inviare una mail a info@salottoletterario.it, indicando i propri dati (nome, cognome, data di nascita, residenza e recapito telefonico) e specificando l’oggetto: “Stage Prendiamoci alla lettera, Palermo”.
    La frequentazione dello stage pone l’obiettivo della comprensione dei meccanismi principali della creazione narrativa, non soltanto tramite l’acquisizione degli strumenti tecnici necessari, ma soprattutto attraverso l’esplorazione dei più differenti contesti- sociale, filosofico, antropologico, psicologico a cui un testo può rinviare.
    Lo stage verrà suddiviso in tre moduli per una durata complessiva di dieci ore distribuite durante la sera di venerdì, il pomeriggio di sabato e la mattina di domenica.
    Il primo modulo verterà sull’acquisizione delle tecniche di base della scrittura creativa, il secondo modulo sarà dedicato all’articolazione di un testo, sia sulla base del confronto con scrittori di epoche differenti, sia soprattutto attraverso l’analisi dei percorsi paralleli alla narrativa contemporanea, intrapresi dal cinema e dall’arte.
    L’ultima parte dello stage prevede il passaggio dalla stesura di un testo al pre-editing, al fine di un’ottima presentazione del lavoro compiuto alle case editrici.




  • CONDIVIDI